Seleziona il tuo Paese


Benefici del miele per la salute

Reading Time: 4 minutes

Perché il miele fa così bene

Non sempre ciò che è dolce nuoce alla salute. Gli zuccheri elaborati e raffinati hanno un basso contenuto di micronutrienti e possono causare picchi di insulina, esistono però dei zuccheri meno elaborati, ad esempio il miele, che sono decisamente più salutari. Il miele è un’alternativa naturale agli zuccheri elaborati, molto popolare e gustosa, prodotta dalle api nel loro processo di digestione del nettare che raccolgono dai fiori.

Ingredienti che rendono il miele salutare

Il miele è ricco di sostanze vegetali bioattive e antiossidanti, più scuro è il miele e più ne contiene, e le sue qualità sono rafforzate dalla presenza di flavonoidi e acidi organici. È inoltre completamente privo di grassi e proteine, ma contiene tracce di vitamine e minerali. Per ottenere i migliori benefici, scegliete il miele più sano di tutti, il miele grezzo, che contiene il maggior numero di nutrienti e presenta proprietà antibatteriche.

Il miele come farmaco          

Quando iniziarono a produrre il miele, le api non sapevano che stessero creando qualcosa di speciale: infatti i suoi benefici sono innumerevoli. Assumere il miele per motivi di salute, per lenire o guarire malattie, nonché come nutrimento, è una pratica in uso sin dai tempi antichi.1 Il miele è ricco di antiossidanti e alcuni studi hanno dimostrato che le sue proprietà antisettiche sono efficaci contro molti batteri, agenti patogeni e funghi.2

Benefici del miele per tosse e mal di gola

Un cucchiaio di miele naturale puro, sciolto nel tè o nel latte, è da sempre un rimedio tradizionale per lenire il mal di gola o la tosse. Il miele ha la capacità di rivestire la gola, agendo come un calmante della tosse e riducendo l’irritazione da muco associata alle infezioni delle alte vie respiratorie.

Nei bambini, le infezioni del tratto respiratorio superiore spesso provocano la tosse e possono soprattutto compromettere il sonno; il miele può ridurre i sintomi della tosse e quindi migliorare il riposo, come dimostrato da alcuni studi.3 I bambini con più di un anno di età possono tranquillamente assumere miele per calmare la tosse durante le ore notturne,4 ma il miele grezzo, benché molto salutare, non deve mai essere somministrato ai bambini più piccoli di un anno, per il rischio di botulismo.5

Miele e salute dell’intestino

Il miele è un ottimo prebiotico, il che significa che può contribuire alla salute intestinale. Può anche essere utilizzato per il trattamento di problemi digestivi, come la diarrea, e stando ad alcuni studi, può essere utile nel trattamento degli eliobatteri, che sono tra le cause comuni di ulcera gastrica.1 Per la salute intestinale, è particolarmente indicato il miele di manuka. Includete il miele nella vostra dieta come cibo sano e delizioso e rimedio utile per l’intestino!

Miele e salute del cuore

L’assunzione di miele apporta numerosi benefici che si estendono anche al sistema cardiovascolare. Le ricerche hanno rivelato che ciò dipende dalla capacità del miele di ridurre il rischio di coaguli di sangue, dilatando e rilassando attivamente i vasi sanguigni ristretti e prevenendo l’ossidazione del colesterolo cattivo LDL.6 Il miele può inoltre contribuire ad abbassare la pressione del sangue7

in quanto contiene composti antiossidanti normalmente responsabili di una bassa pressione arteriosa.6 Le ricerche hanno inoltre dimostrato che il consumo di miele provoca un leggero abbassamento della pressione arteriosa7 e che può aiutare a proteggere il cuore dallo stress antiossidativo.8 Per questo diciamo che i benefici del miele non hanno limiti!

Benefici del miele per la pelle           

I benefici del miele si estendono anche alla pelle, come dimostrano le ricerche secondo cui le sue proprietà antibatteriche e antinfiammatorie possono contribuire a fornire un trattamento efficace per una serie di malattie della pelle, oltre che per le ulcere, la guarigione di ferite e persino le ustioni.9 Inoltre, il miele favorisce la guarigione delle ferite diabetiche10 e, grazie alle sue proprietà antibatteriche, può essere utilizzato per il trattamento di ferite infette, dopo gli interventi chirurgici.

Per chi soffre di psoriasi o herpes, in presenza di desquamazioni ed estrema secchezza della pelle, il miele può essere utilizzato per alleviare i disturbi e può addirittura aiutare ad assottigliare l’ispessimento della cute con effetti maggiori rispetto alle normali pratiche.

Esiste un tipo di miele migliore di tutti per la salute? 

Tutti i tipi di miele hanno proprietà antibatteriche e antinfiammatorie naturali, anche se il miele più scuro, ad esempio il miele di manuka e di grano saraceno, contengono più antiossidanti rispetto alle varietà più chiare.

Secondo gli studi, il miele grezzo è il più ricco di antiossidanti e polifenoli11 e dato che non viene filtrato prima dell’imbottigliamento, contiene polline e cera d’api.12

Benefici del miele e dello zucchero: il miele come dolcificante naturale e salutare?

È importante ricordare che, sebbene il miele abbia numerosi benefici per la salute, come alimento è molto ricco di carboidrati e calorie, quindi non dovrebbe costituire una parte importante della vostra dieta. Un cucchiaio di miele contiene 64 calorie e 17 grammi di zucchero, tra cui fruttosio, glucosio, maltosio e saccarosio.

Anche se naturale e buono per la salute, il miele è comunque zucchero, pertanto influenza i livelli di glucosio e di insulina presenti nel sangue, anche se in misura inferiore rispetto alla stessa quantità di zucchero raffinato.

Ridurre il consumo di zuccheri è un passo importante per migliorare la salute generale e, poiché il nettare di miele naturale è più dolce dello zucchero, non è necessario utilizzarlo in grande quantità per ottenere lo stesso effetto dolcificante. È un alimento ricco di nutrienti non sono presenti nello zucchero, è più indicato per mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue ed è comunque un’alternativa più sana allo zucchero bianco raffinato.

  1. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3758027/ [] []
  2. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5424551/ []
  3. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4264806/ []
  4. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18056558/ []
  5. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4399406/ []
  6. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3005390/ [] []
  7. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3270456/ [] []
  8. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26064893/ []
  9. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25742878/ []
  10. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4216698/ []
  11. https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0308814605003262 []
  12. https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/10942910600981708 []