Seleziona il tuo Paese


Adattogeni, erbe e altre piante

Reading Time: 3 minutes

Alleati naturali per alleviare lo stress

La popolarità degli adattogeni sta crescendo in tutto il mondo, considerato che le persone si trovano ad affrontare uno stile di vita moderno e stressante. Gli adattogeni possono essere assunti sotto forma di integratori, ma esiste una varietà di adattogeni naturali da assumere facilmente mangiando bene e seguendo una dieta sana ed equilibrata.

Che cosa sono gli adattogeni?

Gli adattogeni sono piante che aiutano il nostro corpo ad adattarsi allo stress mentale, fisico ed emotivo. Una ricerca condotta dallo Swedish Herbal Institute ha dimostrato che possono favorire attività stimolanti antiaffaticamento, antidepressive, antistress e antinvecchiamento.1 Alcune erbe, piante e funghi sono classificati come adattogeni.

8 adattogeni con nomi insoliti ma con benefici comprovati per la salute

I nomi inconsueti di alcune erbe e piante come Rhodiola rosea o Ashwagandha non devono scoraggiarvi a scoprire gli adattogeni, poiché possono avere un impatto positivo sulla vostra salute. Gli adattogeni possono influire positivamente sul nostro sistema nervoso centrale in vari modi. Eccone alcuni:

Panax ginseng

Il Panax ginseng è la radice di una pianta asiatica. Gli studi hanno dimostrato che il Panax ginseng apporta diversi benefici, con effetti positivi sul sistema immunitario, lo stress, le infiammazioni e l’invecchiamento.2

Come assumerlo:

Il Panax ginseng può essere consumato crudo o cotto leggermente al vapore, da solo o in acqua per preparare una tisana.

Ginseng siberiano

Noto anche come Eleuterococco, secondo alcuni studi il ginseng siberiano aiuta a regolare i disturbi organici, riduce lo stress fisico e mentale, migliora il sistema circolatorio e favorisce la circolazione sanguigna, eliminando la stasi sanguigna e tonificando lo stomaco.2

Come assumerlo:

Come il Panax ginseng, anche il ginseng siberiano può essere consumato crudo o cotto leggermente al vapore, da solo o in acqua per preparare una tisana.

Rhodiola rosea

Nota anche come “radice d’oro”, la Rhodiola rosea può produrre un effetto antiansia nelle situazioni di stress. Uno studio condotto sull’affaticamento durante il lavoro notturno, tra un gruppo di medici giovani e sani, ha rivelato che la Rhodiola rosea può ridurre la stanchezza generale in determinate condizioni di stress.3

Come assumerla:

Le foglie e i germogli possono essere consumati crudi o cotti.

Funghi Cordyceps

I funghi Cordyceps (noti anche come “funghi caterpillar”) sono adattogeni comuni che aumentano l’energia e riducono la stanchezza, come dimostrato da una ricerca condotta dall’Hong Kong Polytechnic University e dalla School of Food Science & Engineering della South China University of Technology. 4

Come assumerla:

Questi funghi sono molto versatili e possono essere aggiunti a quasi tutte le pietanze, crudi o cotti.

Basilico sacro

Il basilico sacro, o Ocimum sanctum, in India è più comunemente conosciuto come tulsi e, da secoli, è parte integrante della medicina ayurvedica. Alcuni studi hanno dimostrato che questo adattogeno ayurvedico contiene numerosi composti fitochimici che possono contribuire a migliorare la risposta allo stress.5            

Come assumerlo:

Il basilico sacro può essere consumato crudo o in cucina, nella stessa modalità del basilico normale.

Ashwagandha

L’ashwagandha è comunemente conosciuta come ginseng indiano o ciliegia d’inverno. Si tratta di un’erba multifunzionale che può avere effetti benefici su diversi sistemi del corpo umano: il sistema neurologico, il sistema immunitario, il sistema di produzione di energia, il sistema endocrino e riproduttivo.6 Gli studi hanno dimostrato che le sue proprietà antiossidanti possono aumentare la resistenza allo stress e, di conseguenza, migliorare potenzialmente la qualità della vita.6

Come assumerla:

L’ashwagandha viene tradizionalmente assunta in polvere, miscelata a latte e miele.

Astragalo

L’astragalo è un’erba che da secoli viene utilizzata nella medicina tradizionale cinese.7

Come dimostrano gli studi, i suoi effetti benefici interessano e migliorano la funzione immunitaria, riducono i livelli di stress e includono proprietà antinfiammatorie e antinvecchiamento.2

Schisandra

I frutti della pianta di Schisandra, noti anche come “bacche di magnolia”, sono più conosciuti della pianta stessa. Secondo una ricerca condotta dallo Swedish Herbal Institute, questo adattogeno ha proprietà antinfiammatorie, supporta il sistema immunitario e riduce l’affaticamento sia fisico che mentale.1

Come assumerla:

Uno dei modi migliori per assumere la schisandra è bollire le bacche e bere il decotto come una tisana alle erbe.

Come includere gli adattogeni naturali nella vostra dieta

La varietà di adattogeni presenti in natura può essere consumata in modi diversi, dall’infusione come tisana all’assunzione come tintura madre, in zuppe o stufati, nei frullati o come pietanza cruda nei pasti o sotto forma di integratori. Come per tutti gli integratori, è consigliabile rivolgersi a un medico prima dell’assunzione.

Esistono numerose ricette che includono gli adattogeni tra gli ingredienti, in alternativa, potete sperimentare da soli, in base ai vostri gusti. Ad esempio, le foglie e i germogli di Rhodiola rosea possono essere aggiunti alle insalate per una nota amarognola e il basilico sacro viene comunemente utilizzato nella cucina tailandese come spezia per insaporire le pietanze che si sposano con il basilico normale. Con così tanti potenziali benefici per la salute, è inevitabile non provare gli adattogeni.

  1. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3991026/ [] []
  2. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6240259/ [] [] []
  3. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11081987/ []
  4. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5584359/ []
  5. https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0944711312000517 []
  6. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3573577/ [] []
  7. https://www.nccih.nih.gov/health/astragalus []